M° Marco Fornaciari

fornaciariMasterclass tenuta dal M° Marco Fornaciari, 19/20/21 gennaio e 23/24 febbraio 2015.

 
La Masterclass prevede due fasi: la prima di tre giorni e la seconda di due giorni a verifica/chiusura del lavoro svolto nella prima fase.
Ogni allievo potrà usufruire di un totale di 5 lezioni, che si svolgeranno nei locali dell’ISSM Franci. Al termine del corso verrà rilasciato un attestato di frequenza.

PRE-ISCRIZIONI

La Masterclass verrà attivata con un numero minimo di 5 iscritti esterni ed è aperta ad un numero massimo di 6 iscritti esterni; il costo di partecipazone è di € 250,00.
Per partecipare alla Masterclass è necessario inoltrare la domanda di pre-iscrizione compilando il form sottostante entro le ore 13 di venerdì  9 gennaio 2015.
La Segreteria contatterà coloro che avranno inoltrato domanda di pre-iscrizione per formalizzare (entro le ore 13.00 di martedì 13 gennaio 2015) l'iscrizione alla masterclass. Verranno accolte le prime 6 domande pervenute.

MARCO FORNACIARI

Marco Fornaciari, livornese, ha iniziato lo studio del violino nella sua città col M° Chiti proseguendo poi presso l'Accademia Chigiana con i maestri Accardo, Brengola e Gulli. In seguito si è diplomato con distinzione nella classe del M° Romano al Conservatorio di Ginevra.
Ha suonato da solista nelle più prestigiose Sale da Concerto: La Scala, Mozarteum, Felsenreitschule, Salle Pleyel, Accademia di S. Pietroburgo, Sala Tchaikovskij, Bunka Kaikan, Suntory Hall, Sydney Opera House, MusikVerein, Lincoln Center registrando spesso in presa diretta per numerosi enti radiotelevisivi.
Ha inciso musiche di Beethoven, Bartok, Faurè, Ravel, Schumann, Schoenberg, Vivaldi per le case discografiche Erato, Naxos e Foné, per la quale ha ultimato l'unica registrazione integrale (in sei CD) delle oltre 80 composizioni di Paganini per Violino e Chitarra.
Si dedica attivamente anche al repertorio per Viola (del quale ha registrato alcuni CD sia in recital che con orchestra) e alla pratica del Violino Barocco con cui ha inciso, tra l’altro, una edizione “filologica” delle “Sei Sonate e Partite” di J. S. Bach.
È fra i pochissimi a cui sia stato concesso più volte di suonare lo Stradivari del Comune di Cremona, ed il Guarneri di Paganini del Comune di Genova al Teatro Carlo Felice. Con l’Ensemble Foné, di cui è anche direttore artistico oltre che solista, ha recentemente registrato le Quattro Stagioni di Vivaldi per la Foné, in coproduzione con Philips e Sony, in super audio CD, suonando gli strumenti conservati presso il Comune di Cremona: lo Stradivari 1715, il Guarneri del Gesù, l’Andrea Amati e la viola Gerolamo Amati.

 

 

Joomla Templates by Joomla51.com