Programma per il conseguimento del Diploma di Pianoforte nel corso del Vecchio ordinamento.

COMPIMENTO INFERIORE

  1. Esecuzione di uno studio estratto a sorte seduta stante tra dieci studi di tecnica diversa preparati per l’esame dal candidato e tre scelti tra gli studi del 4° e 5° anno indicati nei programmi dei Conservatori
  2. a) Esecuzione di una composizione di J.S. Bach estratta a sorte tra le seguenti preparate dal candidato:
    - Tre invenzioni a tre voci
    - Le due Suites inglesi in La minore e Sol minore divise ciascuna in due gruppi di tre pezzi
    b) Esecuzione di un pezzo estratto a sorte fra tre preparati dal candidato dal repertorio clavicembalistico italiano
  3. Esecuzione di una sonata di W.A. Mozart oppure di M. Clementi, oppure di L. van Beethoven scelte tra le seguenti: nn. 5, 6, 10, 14, 24
  4. Esecuzione di una composizione scelta dal candidato fra le seguenti:
    - F. Chopin: Bolero; Improvviso in La bemolle maggiore; Valse (in La bemolle) op. 34 n. 1; Valse op. 42; Valse op. 64; Valse (in Do diesis minore); Polacca (in Sol diesis minore); una serie di 6 Preludi
    - C.M. von Weber: Rondò brillante in Mi bemolle maggiore “Invitation à la valse”
    - F. Schubert: Improvviso in Mi bemolle maggiore: Improvviso in Sol maggiore (tonalità originale in Sol bemolle maggiore, come nella recente Edizione Peters)
    - R. Schumann: “Carneval de Vienne”; “Papillons”; Scelta di “Waldscenen” e di “albumblätter”
    - F. Liszt: “Rossignol”; una delle “Consolations”
    - C. Debussy: “Children’s Corner”
    - G. Sgambati, G. Martucci, M. E. Bossi: dalle composizioni di media difficoltà
  5. Lettura a prima vista di un brano di difficoltà relativa al corso. Esecuzione delle scale maggiori e minori melodiche ed armoniche per terze e per seste per moto parallelo e contrario.

COMPIMENTO MEDIO

  1. Esecuzione di una sonata di Domenico Scarlatti di carattere brillante estratta a sorte seduta stante fra tre presentate dal candidato
  2. a) Esecuzione di uno studio estratto a sorte ventiquattro ore prima fra gli studi nn. 2, 5, 9, 14, 15, 16, 17, 21, 26, 30, 32, 36, 44, 47, 58, 63, 65, 78, 86, 87, 88, 95, 96 del “Gradus ad Parnassum” di M. Clementi
    b) Esecuzione di un preludio e fuga estratto a sorte ventiquattro ore prima fra una scelta di ventiquattro Preludi e Fughe fatta dal candidato (dodici nel primo e dodici nel secondo volume) dal “Clavicembalo ben temperato” di J. S. Bach
  3. Esecuzione di uno studio estratto a sorte fra due di autore differente scelti dal candidato fra le seguenti opere:
    - I. Moscheles: uno dei tre studi n. 1, 3, 23 dell’Op. 70
    - C. Czerny: Toccata in Do maggiore
    - J. S. Kessler: uno dei tre studi in Fa minore, Do maggiore e Do minore (ottave)
    - F. Mendelssohn: Studio in Si bemolle minore e preludio in Si minore dell’Op. 104
    - S. Thalberg: primo studio dell’Op. 26
    - A. Rubistein: uno studio dell’op. 23
  4. Esecuzione di una Sonata di L. van Beethoven scelta dal candidato fra le seguenti: nn. 3, 4, 7, 8, 12, 15, 16, 17, 18, 21, 26
  5. Esecuzione di una composizione scelta dal candidato fra le seguenti:
    - C. M. von Weber: Finale della 1a Sonata (moto perpetuo) Polacca in Mi maggiore
    - F. Schubert: improvviso in Si bemolle maggiore Op. 124
    - F. Mendelssohn: Variations serieuses: Scherzo capriccio in Fa diesis minore. Rondò capriccioso
    - R. Schumann: Romanza in Re minore (op. 32 n. 3). In der Nacht – Traumeswirren – Aufschwurng (dai Phantasiestücke op. 12). Novelletta in Re maggiore (op. 21 n. 2)
    - F. Chopin: uno dei seguenti studi: Op. 10 nn. 3, 5, 8; Op. 25 nn. 1, 2, 9 – Improvviso in Sol bemolle n. 3 – Ballata 1^ in Sol minore – Ballata - 3^ in La bemolle – Berceuse – Scherzo in Si minore – Scherzo in Do diesis minore – Andante spianato e Polacca brilante in Mi bemolle maggiore op. 22
  6. Esecuzione di una composizione scelta dal candidato fra le seguenti:
    - J. Brahms: due Rapsodie Op. 79 – Capriccio in Si minore – Intermezzi Op. 117
    - Gluck-Saint-Saëns: Capriccio su “Alceste”
    - G. Sgambati: Studio melodico
    - Martucci: Studio op. 47
    - C. Debussy: “Jardins sous la pluie” – “Danseuses de Delphe”
    - M. Ravel : Minuetto e Rigaudon dal Tombeau de Couperin
  7. Interpretazione di una composizione assegnata dalla Commissione tre ore prima dell’esame e preparata dal candidato in apposita stanza fornita di pianoforte

Prova di cultura:

  1. Lettura estemporanea di un brano di media difficoltà
  2. Discussione su questioni concernenti la tecnica: esecuzione delle scale maggiori o minori in doppie, terze, seste. Diteggiatura di un brano pianistico. Interpretazione degli abbellimenti
  3. Saggio di lezione da tenersi ad un alunno dal primo al sesto corso. Dar prova di conoscere l’origine e lo sviluppo del pianoforte, la letteratura dello strumento, citando i temi delle opere più importanti e qualche loro particolare più caratteristico, con particolare riguardo alla letteratura del concerto per pianoforte ed orchestra

DIPLOMA

Esecuzione di composizioni scelte nei quattro gruppi del seguente elenco e disposto in modo da compilarne un programma da concerto che non oltrepassi un’ora e un quarto di durata effettiva o approssimativamente:

GRUPPO n. 1

  • J. S. Bach:
    - Tutte le composizioni originali per pianoforte
    - Tutte le composizioni trascritte per pianoforte da Liszt, Tausing, Busoni e D’Albert
  • L. van Beethoven:
    - Le sonate dall’Op. 57 all’Op. 111
    - Le 33 Variazioni sopra un tema di Diabelli
    - Rondò in sol maggiore op. 129
    - Le 32 Variazioni in Do minore

GRUPPO n. 2

  • C.M. von Weber:
    - Sonata in La bemolle maggiore (n,. 2)
  • F. Schubert:
    - Fantasia in Do maggiore
  • R. Schumann:
    - Fantasia in Do maggiore
    - Carnaval Op. 9
    - Studi sinfonici
  • F. Chopin:
    - Una delle sonata in Si e Si bemolle minore, o un gruppo di tre composizioni fra le seguenti:
    - Ballata op. 38 n. 2
    - Ballata n. 4 in Fa minore
    - Polacca in Fa diesis minore
    - Polacca in La bemolle maggiore
    - Notturni (tutti)
    - Mazurche (tutte)
  • F. Liszt:
    - Sonata in Si minore
    - Scherzo e marcia
    - Mephisto Valse n. 1
    - Studi trascendentali: Mazeppa o Feux Follets in Fa minore
    - Uno dei tre studi da concerto

GRUPPO n. 3

  • J. Brahms:
    - Variazioni sopra un tema di Paganini (1° e 2° fasc.)
    - Variazioni sopr a un tema di Haendel
    - Rapsodia in Mi bemolle
  • C. Saint- Saëns:
    - Sei studi op. 111
  • C. Franck:
    - Preludio corale e Fuga, oppure Preludio, Aria e Finale
    - Due studi da concerto (uno a scelta)
  • Chabrier:
    - Bourrée Fantasque
  • G. Sgambati:
    - Preludio e Fuga
    - Due studi da concerto (uno a scelta)
  • G. Martucci:
    - Tema con variazioni
    - Fantasia op. 51
  • M. E. Bossi:
    - Studio da concerto op. 137 n. 3 in Si bemolle minore
    - Moto perpetuo

GRUPPO n. 4

  • M. Balakirev:
    - Islamey
  • S. Liapounow:
    - Studi trascendentali
    - Sonate
  • C. Debussy:
    - Preludi
    - Estampes
    - Studi
    - Preludio, Sarabanda e Toccata
  • M. Musorgskij:
    - Tableaux d’une exposition
  • M. Ravel:
    - Alborada del Grazioso
    - Sonatina
    - Gaspard de la Nuit
    - Jeux d’eau
  • I Albeniz:
    - Iberia (tutta la serie)
  • I Stravinskij:
    - Sonata
  • A. Skrjabin:
    - Studi
    - Sonate
  • B. Bartók:
    - Suite
    - Allegro Barbaro
    - Composizioni di noti autori italiani comtemporanei

Prova di cultura:
Dar prova di conoscere due concerti per pianoforte ed orchestra, uno antico ed uno moderno (antico sino a Beethoven, moderno da Beethoven in poi).
Il candidato dovrà trattare verbalmente della forma e delle singolarità pianistiche dei due concerti e dovrà leggerne al pianoforte quei frammenti che la Commissione abbia a chiedere

OBIETTIVI

Al termine degli studi relativi gli studenti devono aver acquisito competenze tecniche e culturali specifiche tali da consentire loro di realizzare concretamente la propria idea artistica.

SBOCCHI

Il corso offre allo studente la possibilità di impiego nei seguenti ambiti:

  • Strumentista solista
  • Strumentista in gruppi da camera
  • Strumentista in formazioni orchestrali da camera
  • Strumentista in formazioni orchestrali sinfoniche
  • Strumentista in formazioni orchestrali per il teatro musicale

DURATA

10 anni suddivisi in 3 periodi:
periodo inferiore (4 anni)
periodo medio (3 anni)
periodo superiore (3 anni)

DOCENTI

Prof. Norberto Capelli
Prof.ssa Paola Franconi
Prof. Marco Guerrini
Prof. Hector Moreno
Prof. Antonello Palazzolo

 

 

Joomla Templates by Joomla51.com